Blog

Mareggiate, pescatori in protesta, mezzi pubblici che non funzionano, caos aule scolastiche. Al Comune di Fiumicino non ne funziona una. Eppure l’amministrazione di sinistra guidata dal sindaco Esterino Montino non sembra farci molto caso. Anzi. Di sicuro non ci fa caso il vicesindaco Di Genesio Pagliuca, del tutto silente davanti alle tragedie di questi giorni.

La mareggiata che si è abbattuta sul litorale romano, in particolar modo sui 24 cjilometri di costa del Comune di Fiumicino, ha creato danni ingenti. Per molti si è trattati di un disastro annunciato, come spiega il candidato sindaco Mario Baccini, che non omette di sottolineare le mancanze del Comune, del sindaco Esterino Montino e della giunta di sinistra.

“Il Comune intervenga per ripristinare la regolarità della procedura costitutiva della nuova associazione di promozione sociale Catalani”. Una petizione di cittadini inviata al Presidente della Commissione Trasparenza del Comune, a tutti i capigruppo e, per conoscenza, anche al sindaco Esterino Montino, chiede chiarezza sulla gestione dell’ex centro anziani Catalani, che - si ricorda nel documento - conta oltre mille iscritti.

Via libera al progetto per mettere in sicurezza la portuali commerciale e per ospitare la flotta dei pescherecci. Il Tar del Lazio ha respinto il ricorso di alcuni imprenditori sul prezzo del capitolato, dopo che l’Autorità Portuale  del Mar Tirreno Centro-Settentrionale aveva indetto la gara d’appalto. L’Ance e alcune imprese edilizie avevano presentato ricorso contro l’incongruità del prezzo proposto dall’Autorità portuale, ma il Tar è stato di diverso avviso, ritenendo congruo il capitolato e autorizzato l’Autorità Portuale ad aprire le offerte per aggiudicare i lavori e realizzare le opere infrastrutturali previste.

Ancora allarme erosione costiera a Fiumicino e, in particolare, a Fregene. La situazione è drammatica: la spiaggia si è ridotta a pochissimi metri. Il Comune di Fiumicino aveva annunciato degli interventi, ma al momento non sono ancora partiti, come denuncia Massimiliano Catini, responsabile di Azione Fiumicino.

Emergenza sicurezza alle fermate autobus di via Coccia di Morto, a Focene, dove ogni mattina decine di ragazzi rischiano letteralmente la vita per prendere l’autobus. E come loro, naturalmente, anche tutti i cittadini che utilizzano il trasporto pubblico locale del Comune di Fiumicino. Una questione presa particolarmente a cuore da Imma Pietrangelo, presidente dell’Associazione Focene 2.0. “Ogni mattina alle 7 vado alla fermato bus di via Coccia di Morto e non me ne vado finché tutti gli studenti non sono saliti sani e salvi sull’autobus”, racconta Pietrangelo.