Thursday, 24 June 2021 05:27

Green Pass: cosa c'è da sapere Featured

Written by Luca Parente
Rate this item
(0 votes)

Il Premier Mario Draghi ha firmato Giovedì scorso il Decreto che definisce le modalità di rilascio del Green Pass che faciliterà la partecipazione ad eventi pubblici, l’accesso alle strutture sanitarie assistenziali (RSA) e gli spostamenti sul territorio nazionale (anche in caso di zone arancioni o rosse).

La certificazione sarà disponibile per la visualizzazione e la stampa su pc, tablet o smartphone. In alternativa alla versione digitale, il Green Pass potrà essere richiesto al proprio medico di base, pediatra o in farmacia utilizzando la propria tessera sanitaria.

La “certificazione verde” al momento viene rilasciata nei seguenti casi:

  1. Vaccinazione anti-SARS-CoV-2 (prima dose e termine del prescritto ciclo)

è valido a partire dal quindicesimo giorno dopo la somministrazione della prima dose e fino alla data della seconda dose. Da quel momento la certificazione è valida per ulteriori 9 mesi.

  1. Guarigione e termine dell’isolamento in seguito a pregressa infezione da Coronavirus:

è valido per sei mesi dalla data di fine isolamento

  1. Esecuzione di test antigenico rapido o molecolare con esito negativo

è valido per 48 ore dal tampone ovvero dal momento del prelievo del materiale biologico.

Come accedere al Green pass:

Il cittadino ha diverse possibilità per accedere al Green pass:

  • il sito dedicato dgc.gov.it;
  • tramite fascicolo sanitario elettronico;
  • tramite l'app Immuni;
  • tramite l'app IO;
  • attraverso il sistema “Tessera Sanitaria” (tramite i medici di medicina generale,i pediatri, i farmacisti ed altri medici delle aziende sanitarie, Usmaf, Sasn autorizzati).

Controllo del certificato:

Forze dell’ordine e pubblici ufficiali sono ovviamente autorizzati al controllo. Nel caso di banchetti di nozze, di eventi sportivi, di concerti o quando verranno riaperte le discoteche avranno diritto al controllo della documentazione i gestori (e i loro dipendenti autorizzati) dei locali e/o dei luoghi dove si svolgono gli eventi stessi.

Revoca del certificato:

Il “certificato verde” viene revocato in caso di infezione da Covid19.

Utilizzo della mascherina:

All’aperto dal prossimo 28 Giugno non saranno più obbligatorie (salvo contesti in cui si creino condizioni per un assembramento come ad es. mercati,fiere,ecc.) come stabilito dal CTS (Comitato Tecnico Scientifico).

Spostamenti tra Paesi Europei

La “certificazione verde” al momento è valida solo sul territorio italiano, in quanto il sistema e le regole del Digital Green Certificate Europeo non sono entrate in vigore e pertanto per recarsi all’estero si è soggetti alle normative dei singoli Paesi. Dal 1° luglio invece il green pass sarà valido nei Paesi dello spazio Schengen.

Read 286 times
Login to post comments