Friday, 06 August 2021 13:17

Rifiuti a Fiumicino: un’emergenza ancora senza fine Featured

Written by Paolo Tetto
Rate this item
(0 votes)

di Paolo Tetto - Nelle scorse settimane ci eravamo occupati dell’aumento della TARI per i cittadini di Fiumicino, ciò che tuttavia sta destando parecchia preoccupazione è che, nonostante l’aumento preventivato, l’intero territorio è attanagliato dall’emergenza rifiuti.

Sono infatti numerose le segnalazioni degli utenti, soprattutto della zona di Isola Sacra, che lamentando la presente di numerosi cumuli di rifiuti nelle aree verdi della zona le quali, oltre ad essere diventate una discarica a cielo aperto, sono divenute il simbolo del degrado e dell’incuria dell’Amministrazione e, duole dirlo, anche di pochi cittadini irrispettosi.

Per non parlare della situazione di Fregene, dove all’ingresso di talune spiagge sono presenti da mesi cumuli di rifiuti abbandonati e maleodoranti. Quello di Isola Sacra, purtroppo, è uno dei tanti esempi che si potrebbero fare esempi nei quali è doveroso non escludere la responsabilità di nessuno. Ricordiamo infatti che, se pur le Amministrazioni giochino un ruolo fondamentale nell’organizzazione e nella raccolta dei rifiuti, ciò che è ancora più importante è il senso civico di cui tutti noi dobbiamo farci fautori. Non possiamo infatti permettere che l’incuria e l’inciviltà di pochi di venti il danno di tutti.

Abbiamo letto di grandi comunicati fatti dal Sindaco Montino per l’istallazione di sistemi di videosorveglianza che, ad onor del vero, sta dando i suoi frutti. Ma la sola presenza di telecamere non può di certo bastare a risolvere un’emergenza che, purtroppo, sta sempre più dilagando su tutto il territorio. È d’obbligo e necessario dunque un intervento netto e deciso dell’Amministrazione, un intervento che, tra le tante cose, deve anche prevedere una manutenzione a cadenza ordinaria di tutte le aree verdi e di interesse storico del territorio.

Nel contempo, la Città Metropolitana ha consegnato le mappe, a Regione e Ministero, con le aree “idonee a ospitare la discarica della Capitale che possa mettere fine allemergenza rifiutiSecondo tali mappe, nella provincia della Capitale, al 90% composta da “zone rosse”, le aree gialle con “fattori di attenzione progettuale” sono pochissime.

Come riportano diversi media nazionali, tra le zone idonee alla realizzazione di nuove discariche ci sono i territori di Fiumicino, Cerveteri, ma anche un vasto territorio che si estende tra Subiaco e Tivoli, e alcune zone a nord della Capitale tra Monterotondo, Carsoli, Nerola e Rignano.

Read 200 times
Login to post comments